Gatti che attraversano la strada

Gatti che attraversano la strada
E' uscito "Gatti che attraversano la strada", il mio primo libro di poesie

giovedì 10 dicembre 2015

Per Rosa

Mescoliamo
le nostre anime
ancora una volta,
come ogni volta,
senza pretese
di procreazione
o cerimonie costose,
senza presentazioni
in famiglia, cravatte
ben annodate
e altre formalità,
detestabili
pranzi domenicali
che ci distolgono
dal dovere di incendiare
i vestiti e le lenzuola
in una vacanza lontana
dal tedio quotidiano,
dove c’è spazio soltanto
per la meraviglia
dell’eterna riscoperta,
dove le vie segrete
sono tracciate e dimenticate
e sepolte attendono
nuove esplorazioni,
dove tu e io significa
il vuoto che riempiamo
di cose da non raccontare.

mercoledì 9 dicembre 2015

Sensualità nuragica (quasi un ossimoro)

La Chiesa Pastafariana Italiana, regione Sardegna, organizza una conferenza sul tema della sessualità in Sardegna.

MERCOLEDÌ 9 DICEMBRE 2015, ORE 21:00 – ZALU’S CLUB, Piazza Dettori 7, Cagliari (quartiere Marina).

Dottoressa Maria Antonella Tore (pedagogista ANPE) - "Partire dal corpo; l'importanza della corporeità nello sviluppo globale"
Dottor Andrea Moi (psicologo) - "Sessualità e religione nella cultura sarda: due mondi non troppo distanti"
Barbara Putzolu (volontaria dell'Associazione ARC-ONLUS) - "Orientamento, identità sessuale e discriminazioni"
Michela Pisu (giornalista e insegnante di filosofia e scienze sociali) - "L'uomo e la donna, due corpi quasi sconosciuti"

Tra gli interventi, il poeta Giuseppe Mereu intratterrà il pubblico con delle letture a tema.

Coordinerà i lavori la Dottoressa Paola Cossu.

La serata sarà preceduta da una breve presentazione della Chiesa Pastafariana Italiana da parte del rappresentante per la Sardegna Massimo L. Salis.

Il locale è affiliato CSEN: l’ingresso prevede un tesseramento, la tessera ha validità fino alla fine del 2016 e ha un costo di 1,50€.

lunedì 17 agosto 2015

Sopravvivere a tutto

Qualcosa di terribile
sta per accadere –
lo sento addensarsi
nelle feste nazionali,
sui costumi da bagno
della fine settimana –
visioni di morte,
la fine dell’estate
non ancora iniziata –
poi i tuoi occhi
che cercano
di rassicurarmi:
sopravviveremo
anche stavolta
alla barbarie
dei centri commerciali,
alle litanie televisive,
all’inutilità delle elezioni –
sopravviveremo
e ci racconteremo ancora
di quanto bravi siamo
a sopravvivere –
senza aver più bisogno
di niente tranne
tutto ciò che abbiamo.

venerdì 14 agosto 2015

Estate bastarda

Resoconto stenografico
di un’estate bastarda –
fece molto caldo
e sudammo a non finire –
ci smarrimmo in alto mare
nuotando per cercare
di rinfrescarci le idee
e fummo tratti in salvo
da spietati contrabbandieri
che spacciavano poesia
sottobanco nei mercati
dell’alta finanza –
ma furono gentili con noi
e ci suggerirono le giuste
parole per galleggiare –
tornati a casa in tempo
per seguire la finale
dei campionati mondiali
di crisi monetaria,
passammo il resto della serata
ad ascoltare molto attentamente
le lamentele di un ventilatore
fuori uso, ancora convinto di avere
qualcosa di interessante da dire.

venerdì 19 giugno 2015

Senza titolo

Ho un sogno nella vita:
rapinare il furgone dei gelati -
morire di dolcezza,
travolto da valanghe
di golose creme -
tradire noi stessi
in cose inessenziali,
per soddisfare la curiosità
senza perdere di innocenza -
essere i protagonisti
di un melodramma a lieto fine.

mercoledì 17 giugno 2015

Senza titolo

Essere più saggia-
mente egoista
e meno egocentrica-
mente in cerca
di attenzione -
ripetere almeno
mille volte al giorno,
prima, dopo
e durante le crisi
isteriche principali -
fino a quando la tua vita
non sarà migliorata
o finita.

sabato 13 giugno 2015

Senza titolo

Lasciamo che siano
i bambini a governarci:
dopo i diciotto anni
siamo tutti fottuti,
incapaci di una
pura immaginazione,
impossibili
da salvare.

mercoledì 10 giugno 2015

I piedi a casa

Lascio i piedi a casa,
oggi non mi servono
per camminare o correre
sopra il rumore -
respingo le mie dimissioni
da portavoce non autorizzato
dei fancazzisti di professione,
adolescenti in perenne
ritardo sulla vita -
dove andremo a farci
offrire da bere oggi? -
portiamoci a spasso
le trionfali sconfitte,
pisciamo al parco
il grasso in eccesso,
incendiamo i soldi
che non abbiamo guadagnato -
domani ci sveglieremo tardi
per non andare a lavorare
e non dover smettere di sognare.

lunedì 8 giugno 2015

La mia generazione

La mia generazione è abituata
a non guardarsi in faccia
quando si parla -
la mia generazione è educata
a non dire chiaro ciò che vuole
a chiedere per favore -
la mia generazione
si scatta le foto
coprendosi gli occhi -
la mia generazione
brancola e cinguetta
solitudine poliglotta -
la mia generazione
non sopravviverebbe
ad un conflitto atomico -
la mia generazione
non se lo può permettere -
la mia generazione
è l'unica nella storia
che riuscirà nell'intento
di prenderla nel culo
da quella che l'ha preceduta
e da quella che la seguirà.